News su Fisco

RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Fisco
  1. Nell’ipotesi di pagamento mediante buono pasto, completata la prestazione del servizio nei confronti del cliente, il prestatore dovrà memorizzare il corrispettivo in tutto od in parte non riscosso ed emettere il documento commerciale. Si tratta di uno dei dubbi chiariti dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 3 del 21 febbraio 2020. Il documento di prassi si sofferma su diversi aspetti cruciali della memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri, evidenziando tra l’altro l’ammissibilità del credito d’imposta per l’acquisto tramite leasing di registratori telematici.
  2. La riforma tributaria dovrebbe garantire che a parità di reddito (a qualunque categoria appartenga) ci sia lo stesso prelievo fiscale. Senza interessarsi di deduzioni, detrazioni e simili, da riallocare nelle politiche sociali. Alla politica spetta il diritto-dovere di scegliere la migliore distribuzione del carico tributario tra imposizione sui redditi e patrimoni e sui consumi e trasferimenti di ricchezza. Solo dopo andrebbe affrontato il problema della configurazione dell’IRPEF: scaglioni e relative aliquote, no tax area, andamento della curva della progressività, definizione stabile delle regole su presupposti impositivi e basi imponibili. La riforma fiscale attesa non può, quindi, essere solo quella dei tecnicismi, ma implica scelte concrete con la consapevolezza di favorire alcune componenti della società e sfavorirne altre, nel rispetto dei principi costituzionali.
  3. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 4661 depositata il 21 febbraio 2020, ha stabilito che costituisce fatto notorio che le banche eroghino, di norma, mutui per importi inferiori rispetto al valore effettivo dell’immobile da acquistare. Ne consegue che se il prezzo di vendita è minore delle somme oggetto del mutuo, vi è un chiaro indizio di evasione in base al quale l’Ufficio può fondare la propria pretesa impositiva.
  4. I contribuenti che hanno aderito alla rottamazione ter hanno tempo fino al 28 febbraio 2020 per il versamento della rata prevista dal piano dei pagamenti già comunicato nei mesi scorsi agli interessati. Lo ha ricordato l’Agenzia delle entrate – Riscossione con un comunicato stampa del 21 febbraio 2020, con cui ha specificato come il mancato, insufficiente o tardivo pagamento anche di una sola rata, oltre la tolleranza di cinque giorni prevista per legge determina l’inefficacia della definizione agevolata e quindi il debito non potrà essere più rateizzato.
  5. Possono rientrare nella categoria dei "beni finiti" e beneficiare delle aliquote ridotte i beni come la ringhiera per balcone, la ringhiera per recinzione, le tettoie per balconi e le terrazze che vengono montate sul pavimento e sulla facciata dell'edificio, laddove mantengano una propria individualità e autonomia funzionale, e siano sostituibili in modo assolutamente autonomo dalla struttura della quale fanno parte, senza perdere le proprie caratteristiche, tanto da essere suscettibili di ripetute utilizzazioni, non solo in astratto. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 71 del 21 febbraio 2020.

Contatti

ODCEC Avezzano

Via Donatoni, 56

67051 - Avezzano (AQ)

Tel e Fax: 0863 415120

E-mail segreteria@odcavezzano.it

PEC odcecavezzano@legalmail.it