Strumenti di accessibilità

Previous Next Play Pause
IPSOA Quotidiano - News su Fisco
Con risoluzione del 12 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta riconosciuto per le spese sostenute per l'installazione e messa in funzione di impianti di compostaggio presso i centri agroalimentari presenti nelle regioni Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.
Con una determinazione direttoriale dell’11 giugno 2024, l’Agenzia delle Dogane ha differito la decorrenza dell’obbligo di presentazione dell’e-AD per oli lubrificanti e bitumi, nonché dell’e-DAS nazionale, per il trasporto di gas di petrolio liquefatti per carichi non predeterminati e per taluni prodotti energetici. In particolare, ha prorogato al 1° novembre 2025 l’obbligo di presentazione dei documenti elettronici di trasporto per taluni prodotti energetici.
Con la risposta a interpello n. 132 del 12 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che in caso di acquisizione di partecipazioni per successione, il costo fiscale da assumere come riferimento per la determinazione della plusvalenza da assoggettare a tassazione è il valore definito o, in mancanza, quello dichiarato ai fini della relativa imposta, aumentato degli oneri strettamente inerenti all'acquisizione della partecipazione medesima, compresa l'imposta di successione e donazione, anche se pagata all'estero.
La legge di Bilancio 2024 ha ricondotto alla categoria dei redditi diversi quelli conseguenti alla costituzione di diritti reali di godimento a titolo oneroso. Ciò in aggiunta alla costituzione dell’usufrutto, che già rappresentava fattispecie imponibile. Non era chiaro se la costituzione per atto stipulato nel 2024 a seguito di preliminare antecedente al 1° gennaio scorso dovesse considerarsi imponibile. In occasione di un’interrogazione in Commissione Finanze della Camera, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha dato risposta affermativa. Non imponibili, invece, le somme percepite in modalità rateale in pendenza di atti costitutivi del diritto ante 2024
Con l’obiettivo di armonizzare e semplificare i regimi di riallineamento dei valori fiscali a quelli contabili, il decreto attuativo della delega fiscale di revisione di IRPEF e IRES disciplina una serie di fattispecie: si va dalla prima applicazione dei principi contabili internazionali alla variazione di IAS/IFRS già adottati; dal passaggio dai principi contabili internazionali alla normativa nazionale al cambiamento degli obblighi informativi di bilancio conseguenti a modifiche delle dimensioni dell’impresa, fino alle operazioni straordinarie fiscalmente neutrali effettuate tra soggetti che adottano principi contabili differenti e tra soggetti che hanno obblighi informativi di bilancio differenti. Quali sono le previsioni della riforma fiscale?
Con provvedimento dell'11 giugno 2024, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello di comunicazione per l’utilizzo del contributo sotto forma di credito d’imposta per gli investimenti nella Zona economica speciale per il Mezzogiorno - ZES unica, con le relative istruzioni e le modalità di trasmissione. Entro dieci giorni dal termine di presentazione delle comunicazioni sarà emanato il provvedimento che individua la percentuale di agevolazione effettivamente spettante.
Entro il 17 giugno (il 16 cade di domenica) i contribuenti sono chiamati a versare l’acconto IMU 2024. Chi non provvede al pagamento entro la scadenza può comunque regolarizzare la propria posizione avvalendosi del ravvedimento operoso, versando il tributo dovuto con applicazione della sanzione ridotta e degli interessi moratori, calcolati in funzione dei giorni di ritardo intercorsi tra la scadenza e la data del versamento a sanatoria. Nel modello F24 (o nel bollettino postale IMU) vanno indicati i codici tributo dell’imposta cui si riferisce il versamento e l’ammontare complessivo da versare (imposta + sanzione + interessi); da barrare anche la casella “ravv. operoso”.
È stato infine pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando del primo concorso per esami a 146 posti di magistrato tributario. La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata esclusivamente per via telematica entro il 7 luglio 2024. Il concorso può essere tentato al massimo tre volte. Con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4° Serie speciale, del 27 settembre 2024 verrà data comunicazione riguardo alla pubblicazione dei quesiti validati dalla commissione e al diario della prova preselettiva.
Il Consiglio dei Ministri del 10 giugno 2024 ha approvato un decreto legislativo di recepimento della direttiva UE n. 2021/2101, che modifica la direttiva n. 2013/34/UE per quanto riguarda la comunicazione delle informazioni sull’imposta sul reddito da parte di talune imprese e succursali - direttiva sul Public CbCR. La direttiva si propone di aumentare la trasparenza delle imprese e il controllo pubblico sulle strategie e sulle dinamiche fiscali delle multinazionali a beneficio del pubblico e di tutti i portatori di interesse.
Con comunicato stampa del 10 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la deduzione forfetaria per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore va riportata nei quadri RF e RG dei modelli Redditi 2024 Persone Fisiche e Società di persone, utilizzando nel rigo RF55 i codici 43 e 44 e nel rigo RG22 i codici 16 e 17, così come indicato nelle istruzioni del modello Redditi 2024.
Con risoluzione del 12 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta riconosciuto per le spese sostenute per l'installazione e messa in funzione di impianti di compostaggio presso i centri agroalimentari presenti nelle regioni Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.
Con una determinazione direttoriale dell’11 giugno 2024, l’Agenzia delle Dogane ha differito la decorrenza dell’obbligo di presentazione dell’e-AD per oli lubrificanti e bitumi, nonché dell’e-DAS nazionale, per il trasporto di gas di petrolio liquefatti per carichi non predeterminati e per taluni prodotti energetici. In particolare, ha prorogato al 1° novembre 2025 l’obbligo di presentazione dei documenti elettronici di trasporto per taluni prodotti energetici.
Con la risposta a interpello n. 132 del 12 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che in caso di acquisizione di partecipazioni per successione, il costo fiscale da assumere come riferimento per la determinazione della plusvalenza da assoggettare a tassazione è il valore definito o, in mancanza, quello dichiarato ai fini della relativa imposta, aumentato degli oneri strettamente inerenti all'acquisizione della partecipazione medesima, compresa l'imposta di successione e donazione, anche se pagata all'estero.
La legge di Bilancio 2024 ha ricondotto alla categoria dei redditi diversi quelli conseguenti alla costituzione di diritti reali di godimento a titolo oneroso. Ciò in aggiunta alla costituzione dell’usufrutto, che già rappresentava fattispecie imponibile. Non era chiaro se la costituzione per atto stipulato nel 2024 a seguito di preliminare antecedente al 1° gennaio scorso dovesse considerarsi imponibile. In occasione di un’interrogazione in Commissione Finanze della Camera, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha dato risposta affermativa. Non imponibili, invece, le somme percepite in modalità rateale in pendenza di atti costitutivi del diritto ante 2024
Con l’obiettivo di armonizzare e semplificare i regimi di riallineamento dei valori fiscali a quelli contabili, il decreto attuativo della delega fiscale di revisione di IRPEF e IRES disciplina una serie di fattispecie: si va dalla prima applicazione dei principi contabili internazionali alla variazione di IAS/IFRS già adottati; dal passaggio dai principi contabili internazionali alla normativa nazionale al cambiamento degli obblighi informativi di bilancio conseguenti a modifiche delle dimensioni dell’impresa, fino alle operazioni straordinarie fiscalmente neutrali effettuate tra soggetti che adottano principi contabili differenti e tra soggetti che hanno obblighi informativi di bilancio differenti. Quali sono le previsioni della riforma fiscale?
Con provvedimento dell'11 giugno 2024, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello di comunicazione per l’utilizzo del contributo sotto forma di credito d’imposta per gli investimenti nella Zona economica speciale per il Mezzogiorno - ZES unica, con le relative istruzioni e le modalità di trasmissione. Entro dieci giorni dal termine di presentazione delle comunicazioni sarà emanato il provvedimento che individua la percentuale di agevolazione effettivamente spettante.
Entro il 17 giugno (il 16 cade di domenica) i contribuenti sono chiamati a versare l’acconto IMU 2024. Chi non provvede al pagamento entro la scadenza può comunque regolarizzare la propria posizione avvalendosi del ravvedimento operoso, versando il tributo dovuto con applicazione della sanzione ridotta e degli interessi moratori, calcolati in funzione dei giorni di ritardo intercorsi tra la scadenza e la data del versamento a sanatoria. Nel modello F24 (o nel bollettino postale IMU) vanno indicati i codici tributo dell’imposta cui si riferisce il versamento e l’ammontare complessivo da versare (imposta + sanzione + interessi); da barrare anche la casella “ravv. operoso”.
È stato infine pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando del primo concorso per esami a 146 posti di magistrato tributario. La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata esclusivamente per via telematica entro il 7 luglio 2024. Il concorso può essere tentato al massimo tre volte. Con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 4° Serie speciale, del 27 settembre 2024 verrà data comunicazione riguardo alla pubblicazione dei quesiti validati dalla commissione e al diario della prova preselettiva.
Il Consiglio dei Ministri del 10 giugno 2024 ha approvato un decreto legislativo di recepimento della direttiva UE n. 2021/2101, che modifica la direttiva n. 2013/34/UE per quanto riguarda la comunicazione delle informazioni sull’imposta sul reddito da parte di talune imprese e succursali - direttiva sul Public CbCR. La direttiva si propone di aumentare la trasparenza delle imprese e il controllo pubblico sulle strategie e sulle dinamiche fiscali delle multinazionali a beneficio del pubblico e di tutti i portatori di interesse.
Con comunicato stampa del 10 giugno 2024, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la deduzione forfetaria per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore va riportata nei quadri RF e RG dei modelli Redditi 2024 Persone Fisiche e Società di persone, utilizzando nel rigo RF55 i codici 43 e 44 e nel rigo RG22 i codici 16 e 17, così come indicato nelle istruzioni del modello Redditi 2024.