News su Impresa

RSS delle notizie Free del Quotidiano IPSOA pubblicate nell'area Impresa
  1. In settimana verranno diffusi diversi dati che forniranno il polso della crescita globale, dall’industria alla fiducia dei consumatori negli USA e in Europa. Martedì i ministri degli Esteri europei fanno il punto sullo stato della negoziazione della Brexit. Ma sarà anche la settimana del consiglio europeo: giovedì si parlerà di immigrazione, sicurezza e difesa, occupazione, crescita e competitività, bilancio a lungo termine. Lunedì invece, il cda Tim farà il punto sul futuro della rete.
  2. Mercoledì a Cologno Monzese con Mediaset si chiude la stagione delle assemblee societarie. Giovedì e venerdì su migranti, regole e banche l’Europa decide la sua strada.
  3. Il Documento Economia e Finanza arriva martedì in Parlamento. Mentre al vertice di Sintra in Portogallo parleranno i tre presidenti della Bce Mario Draghi, della Fed Jerome Powell e della Boj Haruhiko Kuroda. Giovedì invece la Banca d’Inghilterra decide sui tassi e il giorno seguente si tiene il vertice a Vienna tra Paesi Opec e non Opec sul possibile aumento dell’offerta di petrolio. In settimana anche il delisting di Best Company e Ynap. Giovedì e venerdì l’esordio del ministro dell’Economia Giovanni Tria a Eurogruppo ed Ecofin.
  4. Il vertice di martedì tra Francia e Germania misurerà la tenuta dell’asse anche sulle questioni italiane, a partire dall’Aquarius. Giovedì l’Eurogruppo e venerdì l’Ecofin, con l’esordio di Tria. Solo allora si capirà se i colleghi Ue abbiano effettivamente abbassato la guardia.
  5. Un’impresa che continua ad apprendere è un’impresa destinata ad avere successo. La distanza tra la formazione tradizionale e l’esperienza quotidiana si fa sempre più ampia e segna inevitabilmente il passaggio ad un nuovo approccio. E’ ora di una formazione realizzata con la creazione e la gestione di ambienti di collaborazione, reali e/o virtuali, di scambio e di sviluppo di nuovi saperi. Ambienti supportati dalle tecnologie della comunicazione via web e coordinati da persone competenti che in azienda si prendono carico del processo di apprendimento. In tale ottica il “vecchio” e-learning cede il passo al digital collaborative learning, ad un knowledge management interattivo, vera anima dello sviluppo dell’organizzazione. Così nasce l’innovazione: perché non crederci?